Aglianico del Vulture di Elena Fucci

A far da sfondo alla coltivazione sapiente e millenaria dell’Aglianico vi è il monte Vùlture con le sue sette vette, un vulcano spento che secondo il poeta e giornalista Cesare Malpica significa: Vult da ogni parte difeso e Ur fuoco. Qui il tempo del vino ha incrociato il destino di Elena Fucci, a partire dal 2000 eredita i vigneti di nonno Generoso e porta avanti, con talento visionario, il sapere enologico e la tradizione del territorio.

fucci 01_ art

L’azienda, collocata a Barile a un’altitudine di 600 metri, è costruita secondo i principi della bioarchitettura ed eco-sostenibilità e mostra un design completamente armonizzato con l’ambiente circostante. I vigneti di Aglianico si distendono in sei ettari e vengono allevati con grande attenzione ai cicli naturali della vite, secondo il metodo a Guyout corto e il Capanno vulturino, principi biologici e raccolta manuale.

fucci 02_ art

La competenza e passione di Elena, condivisa con la famiglia e il marito Andrea Manzani, è rivolta verso un’unica etichetta chiamata “Titolo”, un vino che nel calice assume l’anima del terroir vulcanico e le sfumature microclimatiche della zona.

fucci 03_ art

Esprime tutta la sua forza e mineralità dopo l’affinamento di 12 mesi in barriques di rovere francese da 200 lt (create e studiate per Titolo) e successivo affinamento in bottiglia. Un vino importante e qualitativo, in grado di rappresentare un sentimento di appartenenza identitario e i tratti culturali di questo specifico areale.

 

Azienda Agricola Elena Fucci. Barile (Pz), C. Solagna del Titolo. Tel. +39 3204879945

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *