Celebrata la XXIV Giornata delle Pro Loco Lucane nello splendido scenario di Grumento Nova

Nella splendida cornice di Grumento Nova, paese d’impronta medievale che sorge ai piedi dell’alta Val d’Agri, si è tenuta la manifestazione “Pro Loco in festa”, un confronto tra Pro Loco, cittadini e istituzioni sui temi fondamentali, quali la crescita culturale e la promozione del turismo, custodendo la storia e le tradizioni del territorio. La mattinata è iniziata con l’allestimento da parte delle Pro Loco  degli stand espositivi in Largo Umberto I e con la Santa Messa nella Chiesa Madre S.Antonio Martire. Uno scenario più che suggestivo dove si è celebrata la XXIV Giornata Regionale delle Pro Loco, patrocinata da Comune di Grumento Nova, Regione Basilicata, Apt Basilicata, Fondazione Matera – Basilicata 2019, con la tavola rotonda  tenuta nel Salone di corte Aurora Sanseverino dal tema “Cultura, Storia e Tradizioni della Basilicata: la via del Turismo per uno Sviluppo Sostenibile”. La piazza del paese è stata animata dal gruppo folk di Marsico Nuovo ‘U’ Iascungiedde’ che attraverso le loro esibizioni hanno fatto rivivere le tradizioni del territorio insieme all’esposizione dei prodotti tipici.

Turismo sostenibile e valorizzazione del territorio, consegnate le targhe alle Pro Loco benemerite

L’incontro è iniziato con i saluti del Sindaco di Grumento Nova Antonio Imperatrice, onorato di ospitare la manifestazione nel suo comune, seguito dall’intervento di Lucio Delfino Presidente Pro Loco Grumento Nova che afferma: “La storia, la tradizione, il territorio e le produzioni locali sono al centro degli interessi di tutti a partire da chi si occupa di sviluppo, agli operatori economici e turistici, tutto ruota ormai attorno a questi valori”. Di rilevanza fondamentale è stata la dichiarazione del Presidente Pro Loco UNPLI Basilicata Rocco Franciosa: “Oggi abbiamo voluto lanciare da questo scenario fantastico un messaggio di speranza innanzitutto a noi stessi e dobbiamo credere che il futuro è il Turismo Sostenibile che valorizzi il territorio”.

Al convegno condotto dalla giornalista Anna Maria Sodano, hanno preso parte anche Salvatore Adduce Presidente Fondazione Matera- Basilicata 2019, Salvatore Pellettieri in rappresentanza dell’Ufficio Cultura Regione Basilicata, Mariano Schiavone Direttore APT Basilicata che attraverso la proiezione di un video ha raccontato le attività che la Regione Basilicata insieme all’APT ha realizzato in questi anni. Accolta favorevolmente dal Presidente della Fondazione Matera 2019 Adduce, la proposta del Comitato regionale Unpli di celebrare il prossimo anno la XXV edizione della Giornata regionale delle Pro Loco a Matera in occasione delle manifestazioni dell’Anno Europeo della Cultura, invitando anche tutti i Comitati Unpli delle regioni d’Italia.

 

Presente alla manifestazione il Presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella che simbolicamente ha stretto la mano a tutti i volontari delle Pro Loco a cui ha consegnato la riconoscenza della Regione Basilicata per il loro impegno di promozione e salvaguardia del patrimonio materiale ed immateriale lucano.  La festa delle Pro Loco è stata anche l’occasione per inaugurare tra i vicoli del bel paese il Palazzo Giliberti e la Biblioteca Carlo Daino con altre 1200 volumi storici. A suon di musica e di ballo con gli Ambasciatori Lucani, all’Hotel Park Grumentum, si è degustato il pranzo fatto di prodotti tipici locali. La manifestazione è continuata con la cerimonia: “Promotori di Turismo e Territorio, Custodi di Storia e Tradizioni”, allietata dal giovane musicista Mirko Gisonte, moderata dalla giornalista Elisa Casaletto è stata presieduta da Pierfranco De Marco, consigliere nazionale Unpli, Pasquale Menchise, Direttore Musicale Nazionale Unpli, Patrizia Spatuzzi Referente Pro Loco Apt Basilicata, Giorgio Costantino, Direttore Bcc Basilicata partner dell’evento, il Sindaco Imperatrice, il Presidente Pro Loco UNPLI Basilicata, Rocco Franciosa e il Presidente Pro Loco Grumento Nova Lucio Delfino.

Consegnate delle targhe alle Pro Loco lucane benemerite per l’impegno ultratrentennale nella promozione turistica-culturale: Trivigno, Cirigliano, Campomaggiore, Tricarico, Pignola, Villa d’Agri e a Lavello per aver rappresentato la Basilicata al Carnevale di Venezia con i Carnevali della Tradizione Italiana. Consegnata targa riconoscimento al Cavaliere della Repubblica Domenico Deufemia, già Presidente Pro Loco San Mauro Forte e animatore de I Campanacci.

Generazione Vulture anima Matera e promuove l’Aglianico del Vulture

26060293_1661520190577469_4232181832530686330_o

Briganti nell’anima (per l’amore territoriale) con un claim “Osserva il Vulture e dimmi se anche tu lo vedi bello come lo vedono i nostri occhi”: sono i super produttori di Generazione Vulture. Oltre a difendere il contenuto della bottiglia con la loro virtuosa produzione, rispettosa della terra e delle stagioni, proteggono e valorizzano il contenitore, ovvero, l’intero territorio del Vulture. Le 8 aziende che ne fanno parte sono: BasiliscoBiscegliaCarbone viniElena FucciGrifalcoMadonna delle GrazieMartino vini e Musto Carmelitano.

WhatsApp Image 2018-05-24 at 21.47.12

Il 24 maggio sono stati protagonisti a Palazzo Gattini (a Matera), per un evento enogastronomico, con alcuni presidi Slow Food e tipicità del Sud. Tra un sorriso e un calice il piacere gustativo si è completato con un ricco buffet composto da queste ghiottonerie: manteca al tartufo del Caseificio Di Milta; humus di ceci neri di Giuseppina Danzi; crackers ai cereali del Panificio Cifarelli; pallone di Gravina del Caseificio De Rosa; pane tradizionale Panificio Gennaro Perrone; capocollo di Antico Suino Nero Lucano cotto a bassa temperatura; pacchero ai sapori della Murgia.

WhatsApp Image 2018-05-24 at 21.27.40L’Aglianico del Vulture si sviluppa nel recinto vulcanico del Monte Vulture, nord-ovest della Basilicata, in un terreno ricco di storia e capace di donare plus-valore al vino. Scrollatosi di dosso il vestito di “Barolo del Sud” per assumere una propria e unica identità, questa creatura enologica, introdotta dai greci nel sud Italia tra il VII-VI secolo a.C., si presenta con queste caratteristiche: rosso rubino con riflessi granata e aranciato con l’invecchiamento, complessivamente equilibrato, minerale, dalla giusta intensità e acidità dovuta alle forti escursione termiche.

logo generazione vulture

Una energia travolgente quella di Generazione Vulture, capace di animare e diventare protagonista – ancora una volta – di una iniziativa che vuole dare valore a un territorio straordinario! E poi, come scriveva il poeta Orazio Flacco: «Il vino è un gran cavallo, per un poeta lepido; ma se tu berrai acqua, non partorirai nulla di buono».

[Immagini: Typigo, Facebook]

Lavello accoglie nell’Antica Cantina Forentum il tour della Via Flaminia

gran-sasso-rally-1

Arriva a Lavello, in Basilicata, il tour di auto storiche Via Flaminia del 23 Maggio 2018: è denominato “The Rally with a Smile” con una formula orientata al divertirsi più che alla velocità. Mente e fautore di questo giro a spasso per l’Italia e per il mondo, cominciato nel 2005, è Bart Kleyn innamorato delle auto classiche, dei rally e dell’Italia. Nella prima edizione parteciparono 30 macchine tra cui una Lamborghini 350, una Ferrari 250 e 4 Cabriolet Flaminia: oggi la popolarità dell’evento e i numeri sono enormemente ampliati con partecipanti da tutto il continente.

vulture

Il senso del viaggiare è anche quello di fermarsi in nuovi luoghi e immergersi nella cultura del posto, in questo caso il cibo, con la sua funzione culturale e di catalizzatore della socializzazione, diventa principale “veicolo” e strumento per conoscere l’anima di un territorio: bisogna considerarlo non solo come bisogno fisiologico ma come elemento determinato da componenti geografiche, storiche, economiche e nutrizionali.

32207390_2056875207673189_6650160604726165504_n

Ad assumere, appunto, il ruolo culturale e accogliere i “corridori” della Via Flaminia nel Vulture è Savino Di Noia nel suo ristorante e pizzeria Forentum: è un’antica cantina del 1500, sapientemente restaurata, divisa in due sale; in quella inferiore si narra la storia plurisecolare “de i Munacidd”, mentre, quella superiore è contornata da foto che raccontano la vita rurale d’un tempo. La scelta di Lavello non è un caso, da sempre centro nevralgico di passaggio a nord della Lucania dove sostare, far abbeverare gli animali alle numerose fontane e ritemprare fisico e mente del viaggiatore.

32350103_2059924020701641_8636475987195854848_n

In tutto questo, ci saranno le pizze a quattro mani realizzate da Savino Di Noia con il maestro Gennaro Langella dell’A.v.p.n. (Associazione Verace Pizza Napoletana) abbinate a cinque importanti realtà enoiche del Vulture  come Madonna delle Grazie, Cantina di Venosa, Elena Fucci, Bisceglia e Terra dei Re. Il quadro sarà completato dal caciocavallo di Posticchia Sabelli, unico formaggio Lucano a concorrere alla finale “Italian Cheese Awards 2018” nella categoria pasta filata stagionata.

 

Ingest e Pro Loco Unpli Basilicata insieme per la sicurezza degli eventi

pro-loco-01

 

Firmato a Matera il protocollo d’intesa che prevede un percorso formativo per i volontari

Conferenza stampa di presentazione del protocollo d’intesa tra Ingest srl, rappresentata dall’Amministratore Unico Ingegnere Rocco Luigi Sassone, e il Comitato Pro Loco Unpli Basilicata, nella persona del Presidente Regionale Rocco Franciosa questa mattina a Matera.

Nel corso dell’incontro è stato illustrato il protocollo la cui adozione consentirà di gestire e organizzare in sicurezza gli eventi e le manifestazioni che prevedono la presenza di pubblico.

L’intesa nasce dall’esigenza di mettere nelle condizioni le Pro Loco lucane di poter programmare ogni tipo di manifestazione in aree e centri storici che non sono stati pensati e progettati per accogliere una massiccia presenza di pubblico sottolinea Rocco Franciosa, Presidente Regionale Comitato Pro Loco Unpli Basilicata.

I recenti accadimenti di cronaca che hanno coinvolto tragicamente pubblico e lavoratori addetti alla realizzazione degli allestimenti di eventi, hanno spinto il Ministero dell’Interno ad introdurre una serie di norme finalizzate a regolamentare sia i criteri di sicurezza associati ai cosiddetti pubblici eventi che il quadro delle responsabilità a carico degli organizzatori per garantire la sicurezza di pubblico, lavoratori che fruitori della manifestazione sottolinea l’ingegnere Rocco L. Sassone.

L’obiettivo del suddetto protocollo d’intesa, dunque, è quello di offrire un percorso formativo con una serie d’incontri sul territorio regionale finalizzati a formare Dirigenti e Volontari Pro Loco per il rispetto di quanto previsto dalla Circolare del 07 giugno 2017, con cui il Ministero dell’Interno qualifica gli aspetti di safety (dispositivi e misure strutturali) e security (servizi di ordine e sicurezza pubblica). «Quella di oggi è una tappa importante che ci consente di sviluppare una strategia progettuale e gestionale, volta a garantire i necessari livelli di sicurezza durante le manifestazioni e gli eventi pubblici promossi e organizzati dalle Pro Loco di Basilicata e non solo» ha dichiarato Rocco Franciosa, Presidente Regionale Unpli.

pro-loco-02

Nella stessa giornata è stato illustrato anche il programma del primo appuntamento formativo dal titolo “Come programmare e organizzare gli eventi con presenza di pubblico” che si svolgerà sabato 12 Maggio 2018 presso l’Auditorium Comunale della città di Bernalda, presieduto dal Presidente Pro Loco Unpli Basilicata Rocco Franciosa, dall’Ingegnere Rocco Luigi Sassone, il quale terrà una relazione su come progettare la sicurezza delle manifestazioni con presenza di pubblico e dal Vice Questore Maria Rosaria Contuzzi, la quale analizzerà le tematiche connesse alla gestione degli adempimenti di security durante gli eventi. Il seminario prevede una sessione pomeridiana alla presenza della tecnologa alimentare Rocchina Robilotta e del dottore tributarista Vincenzo Lo Sasso i quali tratteranno le materie di igiene e sicurezza dei prodotti alimentari nel volontariato associativo, la Scia telematica e la normativa fiscale per sagre ed eventi. Il vicepresidente Unpli Basilicata Rocco D’Elicio, delegato del Forum Terzo Settore Basilicata terrà una relazione sugli ultimi aggiornamenti della Riforma del Terzo Settore.

Al termine del seminario, inoltre, ai partecipanti che avranno seguito assiduamente i lavori, sarà rilasciati: un attestato sulle modalità di programmazione e organizzazione degli eventi con presenza di pubblico; attestato di partecipazione all’incontro tecnico in materia di igiene e sicurezza dei prodotti alimentari.

Ad Aliano, Pro Loco sulle tracce di Carlo Levi

02

Terza giornata formativa per i volontari del Servizio Civile Unpli Basilicata

 Nel paese di Carlo Levi si sono ritrovati domenica scorsa i 50 volontari delle Pro Loco lucane per la terza giornata di formazione generale del Servizio Civile Nazionale, promossa dall’UNPLI – Unione Nazionale Pro Loco d’Italia. Ad accogliere presso la Sala conferenze comunale i volontari e dirigenti delle Pro Loco coinvolte nei due progetti, il primo, intitolato “Basilicata Terra Ribelle – il fenomeno del brigantaggio lucano”, il secondo, denominato “Dalle Dolomiti Lucane ai Calanchi. Ambiente e Cultura di Lucania”, il Sindaco di Aliano, Luigi De Lorenzo, che ha rivolto un saluto ringraziando il Comitato Unpli Basilicata per aver scelto il borgo alianese per la giornata formativa e per il sostegno dato nella candidatura di Aliano a Capitale della Cultura Italiana per il 2018. A seguire i saluti del Presidente della Pro Loco Don Pierino Dilenge e del Presidente del Parco Letterario Carlo Levi, Antonio Colaiacovo, che hanno sottolineato come la partecipazione attiva della comunità alle iniziative intraprese in questi anni abbia permesso lo sviluppo e la crescita del paese, con importanti risvolti turistici positivi. Prima di iniziare le lezioni l’Unpli Basilicata e le Pro Loco intervenute hanno rivolto un sentito pensiero di commiato a Bruno Mario Albano, già Presidente Pro Loco Pignola, fondatore e primo Presidente dell’Unpli Basilicata, e a Rocco Brancati, giornalista, antropologo, professore, uomo di cultura, custode di tradizioni, amico delle Pro Loco lucane, già Presidente onorario della Pro Loco Pignola che ha presieduto per tanti anni la “Commissione Premi UNPLI Basilicata”. Ad introdurre le lezioni, il Presidente Pro Loco Unpli Basilicata e Formatore generale nazionale Rocco Franciosa, il quale nel ringraziare il Comune, il Parco e la Pro Loco di Aliano per l’ospitalità, ha illustrato i temi della giornata e presentato le prossime iniziative nazionali e regionali: sabato 12 maggio a Bernalda (Mt) corso di formazione per dirigenti e volontari Pro Loco sulla sicurezza nella programmazione e organizzazione di eventi in collaborazione con la società Ingest di Matera; domenica 3 giugno Giornata Nazionale delle Pro Loco con iniziative da parte di ogni singola Pro Loco lucana e domenica 17 giugno a Grumento Nova (Pz) la Giornata regionale Pro Loco In Festa. La prima lezione è stata tenuta dall’archivista bibliotecario Antonio Rubino, il quale ha illustrato la metodologia corretta per condurre una ricerca storiografica, dando fondamentale importanza tanto agli archivi fisici quanto a quelli multimediali; in modo particolare ha sottolineato quanto utili possano essere l’utilizzo di Opac, Metaopac e Internet Culturale. L’altra lezione è stata tenuta da Vito Sabia, collaboratore del Servizio Civile UNPLI Basilicata, che ha illustrato gli aspetti e le novità della legislazione regionale in materia di beni culturali, ambientali e dell’associazionismo no profit, con particolare riferimento alle Pro Loco quali associazioni di tutela e valorizzazione dei beni culturali e del territorio. Dopo la pausa pranzo con degustazione di prodotti tipici presso la Taverna la Contadina Sisina, i volontari e dirigenti guidati dal Presidente del Parco Letterario Carlo Levi, Antonio Colaiacovo, hanno potuto apprezzare l’offerta turistico-culturale del “Mua – Musei di Aliano” con la visita al centro storico, alla Pinacoteca Carlo Levi, alla Casa di Confino Levi, al Museo della Civiltà contadina e al Museo Paul Russotto, oltre che alle bellezze naturali e paesaggistiche dei Calanchi.

01

Typigo & Pro Loco Basilicata #insieme per #promuovere #matera2019

Attiva e proficua la collaborazione intrapresa dallo scorso anno fra lo Studionole Agenzia di Comunicazione di Giancarmine Nolè ideatore di Typigo.com e Rocco Franciosa Presidente dell’UNPLI Basilicata. Pronti a divulgare sui canali social Facebook, Instagram e Twitter la campagna di promozione dei territori. “Typigo & Pro Loco Unpli Basilicata insieme per promuovere” grazie alla “straordinaria visione” dei fotografi Fabio Cocchia, Rosario Claps Basilicata 131 e Antonio Prudente
#insieme per #promuovere #incammino #matera2019 #destinazionesorpresa #BorghiLucani
#typigo #basilicata131 #patrimonioculturale #annodelciboitaliano

proloco

L’obiettivo ci raccontano Rocco Franciosa e Giancarmine Nolè è “promuovere insieme” attraverso lo spazio offerto a tutte le Pro Loco sulla piattaforma Typigo.com le particolarità che rendono uniche le nostre comunità nella sezione dedicata a ciascuna città.

Abbiamo invitato in questi giorni ciascuna delle Pro loco a registrare tutte le informazioni relative al proprio territorio: storia, informazioni turistiche, eventi, prodotti tipici, ricette tradizionali, artigianato artistico, per consentire una divulgazione integrata dei nostri tesori e ad inviarle alla redazione di Typigo – contattando info@typigo.com o info@studionole.it – con lo scopo di implementare una scheda tecnica completa della città di riferimento che verrà condivisa “insieme” sui reciproci canali social UNPLI Basilicata e Typigo.

Abbiamo uno straordinario territorio da scoprire e vogliamo “promuoverlo insieme” per cercare come dice Typigo la prossima “destinazione sorpresa”.

www.typigo.comwww.unplibasilicata.it

bianca

Basilicata protagonista al Carnevale di Venezia con il “Domino di Lavello”

La Pro Loco Lavello è stata protagonista al Carnevale di Venezia con il “Domino”, in rappresentanza della Rete “Carnevali e Maschere della Lucania a valenza antropologica e culturale” e dell’intera regione. Ad accompagnare i figuranti sono stati il sindaco del Comune di Lavello, Sabino Altobello, il presidente della Pro Loco “F.Ricciuti” Lavello, Gaeteno Vitale e il presidente del Comitato regionale Pro Loco Unpli Basilicata, Rocco Franciosa, grazie al sostegno dell’Apt Basilicata, del Comune, dell’Unpli Nazionale e della Regione Basilicata.

L’allegria, i colori, le atmosfere e le peculiarità dei “Carnevali della tradizione” hanno conquistato la Serenissima, riscuotendo successo e apprezzamento. I gruppi individuati dall’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia  hanno portato alla ribalta della manifestazione veneziana maschere e riti antichissimi,  strettamente legati all’identità dei territori;  oltre 200 i figuranti, in rappresentanza di sei diverse regioni, che hanno animato il palco “Creatum Civitas Ludens” ispirato al circo e al mondo dei giochi, con coreografie originali del film La Strada di Fellini.

Un progetto fortemente voluto dal Presidente Nazionale Unpli Antonino La Spina e dal Responsabile Dipartimento Patrimonio Culturale dell’Unpli Fernando Tomasello che hanno sottolineato “La valorizzazione dei Carnevali storici è un progetto al quale lavoriamo da lungo tempo e che qui a Venezia ha registrato il primo importante passo. Un grande evento reso possibile grazie all’assessorato al turismo del Comune di Venezia, alla direzione del Carnevale e a tutti coloro che hanno creduto e sostenuto questa iniziativa”.

Subito dopo la presentazione del progetto “Carnevali della Tradizione” è entrata in scena la Basilicata con l’eleganza delle tuniche danzanti vestite in raso rosso (ornate da un cappuccio che nasconde il viso e da un cordone che cinge il saio) del “Domino di Lavello – Il Paese che Balla”  nella rievocazione di una  festa  che  affonda  le  sue  radici  in  epoche  lontane.  Il Sindaco di Lavello, Altobello intervenuto sul palco di Piazza San Marco, nel presentare la maschera tradizionale lavellese ha dichiarato “con la Regione Basilicata da anni stiamo puntando alla promozione territoriale attraverso le unicità storiche legate ai riti carnevaleschi lucani perché riteniamo sia un’attrazione turistica importante per le nostre comunità in vista di Matera Capitale europea della Cultura per il 2019”.

“Secondo la tradizione, – racconta il Presidente della Pro Loco Gaetano Vitale – ogni mascherato porta con sé un sacchettino, intonato con il colore del Domino, dove conserva caramelle e cioccolatini da donare a chi accetta l’invito di ballare insieme nelle varie feste che si svolgono in paese durante tutto il carnevale e alle quali partecipano non solo gli abitanti di Lavello ma anche quelli dei comuni limitrofi, calorosamente accolti con gustose pietanze tipiche lucane”.

“Con il Domino di Lavello in rappresentanza della Rete Carnevali e Maschere della Lucania costituita con la Regione Basilicata, l’Apt Basilicata e le 8 Pro Loco lucane – ha sottolineato il Presidente del Comitato regionale Pro Loco Unpli Basilicata, Rocco Franciosa, –  puntiamo alla custodia e valorizzazione del patrimonio culturale immateriale lucano per far conoscere le nostre antiche tradizioni che grazie all’impegno di tanti volontari, animano e promuovono i borghi della Basilicata nel periodo di carnevale e non solo con eventi culturali e turistici ”.

Quest’anno hanno partecipato al Carnevale di Venezia i Carnevali della Tradizione delle regioni:Il Domino diLavello (Basilicata), Mamuthones di Mamoiada (Sardegna), Le Meraviglie dell’arcobaleno di Piediripa (Marche), Maschere del Carnevale torinese (Piemonte), I Giardinieri di Salemi (Sicilia) e il Carnevale di Persiceto (Emilia Romagna).