Intervista a Raffaele Vecchione: comunicatore del mondo del vino

Presentati al popolo di typigo nome e cognome.

Ciao Typigo sono Raffaele Vecchione

Cosa fai nella vita ?

Tante cose, davvero tante! Principalmente sono un comunicatore del mondo del vino, un Business Developer, un enologo ed un vignaiolo di un piccolissimo pezzetto di terra dove produco il mio Sangiovese in purezza.

Cosa cambieresti dell’attuale critica enologica?

Probabilmente la critica stessa, alcune terminologie ed alcuni preconcetti. Fare critica dovrebbe essere fare comunicazione, ovviamente con punteggi ma senza terminologie forti o disprezzanti, con rispetto e professionalità.

Raccontaci di te: come nasce la tua passione per il mondo del vino?

Scopro la passione per il mondo del vino a 18 anni dal ritorno da un viaggio in Puglia dove mi perdo tra le bellezze degli uliveti e dei vigneti. P.s. Ho iniziato a bere molto tempo prima, ero già predisposto si può dire!

È la tua prima volta qui nella zona Vulture? Cosa ti ha colpito in particolare?

È stata la mia prima volta in Vulture ed è stato amore a prima vista grazie all’incredibile diversità dei suoli, la loro composizione e i diversi colori dal giallo al nero e tutte le sue uniche sfumature.

Raccontaci il tuo tour nel Vulture: cosa ti ha portato qui?

Ho sempre saputo che il Vulture fosse una Terra di grandi vini, un suolo complesso, gente semplice e tanto equilibrio, un perfetto mix di ingredienti per la ricerca della perfezione. Non potevo raccontare di questo territorio unico e dei suoi prodotti senza aver visto con i miei occhi.

Le tue valutazioni sul vino Aglianico del Vulture. Come viene apprezzato dai winelovers?

L’Aglianico del Vulture è pronto per esplodere ed è pronto per essere comunicato ai winelovers di tutto il mondo in tutta la sua classe. Lo stile è fortemente cambiato e risulta essere un aglianico meno grezzo e più elegante, il fascino della terra vulcanica poi completa il quadro. I vini sono diretti e puro frutto della passione e dell’artigianalità dei produttori locali.

Cosa senti di dire ai giovani imprenditori che hai incontrato in questi giorni visitando questa terra?

Avanti tutta! La comunicazione non è mai stata così veloce prima d’ora ed i tempi sono maturi per la promozione di un territorio più unico che raro.

Tu che tipo sei: un bianco, un rosato, un rosso o… una birra?

Sono un tipo da rosso, ma ad esser sincero dopo una degustazione di 70 vini bevo birra!

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *