La parmigiana di melanzane come la nonna comanda

È il piatto unico per eccellenza dell’estate: la parmigiana di melanzane.  Riesce a rendere felici tutti a tavola, dai bambini agli adulti. Ed è per questo che le nonne sanno bene che, quando si cimentano con la sua preparazione, una teglia non può bastare ma ce ne vogliono almeno due.

 

L’origine di questo piatto è conteso in tutta la penisola italiana e in ogni regione le varianti sono frequenti. Ogni ricetta è ampiamente apprezzata. Pomodoro, melanzane, basilico e formaggio costituiscono la base per la realizzazione. A questi ingredienti si aggiungono zucchine, alici, patate, uova sode, molta fantasia e varie tradizioni locali come infarinature e immersione nelle uova.

L’ingrediente principale è ovviamente la melanzana. Ve ne sono di ogni tipo: quelle che si prestano egregiamente per la ricetta sono le lunghe napoletane o le ovali di grandi dimensioni. Ben sode al tatto equlibrate quanto a durezza e morbidezza, di un colore viola scuro e lucide.

Poi c’è la scelta dei formaggi che nella combinazione con la melanzana riesce a dare quel tocco di sapore che spesso la caratterizza in relazione alle varie produzioni locali dei differenti territori.

 

Una versione più “leggera” fa propendere per una preparazione con la melanzana grigliata. Per chi non vuole offendere gli sforzi della preparazione pur salvaguardando gli sforzi di tenere la propria linea.

Infine esiste la pretesa della nonna di pensare che la seconda teglia possa essere conservata in frigo con la carta stagnola persino per 1 oppure 2 giorni, salvo ricredersi a tavola che anche la seconda teglia sarà assolutamente apprezzata in quello stesso pranzo.

Ma le nonne si sa, sono subito pronte a rimettersi all’opera per la gioia di tutti.

[ Immagini: web ]

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *