La tradizione della pastiera nella Pasqua: storia, aneddoti e ingredienti

La pastiera napoletana fu inventata nel XVI secolo ed è un dolce tipico della cucina campana che ancora oggi viene preparato in casa durante il periodo pasquale. Ad oggi, sono tante le pasticcerie che producono questo dolce tradizionale utilizzando ingredienti di qualità e rispettando la ricetta classica che prevede canditi, cannella, scorza d’arancia, ecc.

Una antica leggenda narra la storia di alcuni pescatori che non riuscendo ad approdare sulla terraferma a causa del maltempo erano rimasti sulla nave in mezzo al mare. Lunghi giorni e lunghe notti senza-far-la-fame ma nutrendosi intelligentemente della “Pasta di Ieri” così come gli stessi pescatori la definirono e risposero a tutti coloro che incuriositi domandarono come erano riusciti a superare un momento di simile difficoltà. Era un piatto composto da ricotta, uova, grano ed aromi vari probabilmente tutti ingredienti disponibili e di pronto utilizzo per affrontare giorni intensi di navigazione prima di toccare la terraferma, un vero miracolo per scongiurare la fame. Da qui, la pastiera divenne simbolo di rinascita proprio perché aveva permesso ai quattro pescatori di continuare a vivere.

Presenta la classica forma simile ad una crostata dal colore giallo intenso. Rivestita esternamente dalla pasta frolla croccante che racchiude al suo interno un ripieno così soffice, morbido e gustoso ottenuto da più ingredienti messi insieme quali ricotta, frutta candita, zucchero, uova e grano cotto che ne garantiscono un sapore unico. Ad oggi ci sono numerose varianti caratterizzate da un altro sapore dovuto proprio ai diversi tipi di ingredienti utilizzati come per esempio la crema pasticcera per l’impasto oppure il cioccolato bianco per la pasta frolla. Una vera tentazione a cui non si può rinunciare e l’occasione pasquale è un momento ideale per gratificare il nostro palato e dedicarci un “dolce sfizio” meritato specialmente se reduci da un percorso nutrizionale sano ed equilibrato nel lungo periodo di tempo.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *