Lavello accoglie nell’Antica Cantina Forentum il tour della Via Flaminia

gran-sasso-rally-1

Arriva a Lavello, in Basilicata, il tour di auto storiche Via Flaminia del 23 Maggio 2018: è denominato “The Rally with a Smile” con una formula orientata al divertirsi più che alla velocità. Mente e fautore di questo giro a spasso per l’Italia e per il mondo, cominciato nel 2005, è Bart Kleyn innamorato delle auto classiche, dei rally e dell’Italia. Nella prima edizione parteciparono 30 macchine tra cui una Lamborghini 350, una Ferrari 250 e 4 Cabriolet Flaminia: oggi la popolarità dell’evento e i numeri sono enormemente ampliati con partecipanti da tutto il continente.

vulture

Il senso del viaggiare è anche quello di fermarsi in nuovi luoghi e immergersi nella cultura del posto, in questo caso il cibo, con la sua funzione culturale e di catalizzatore della socializzazione, diventa principale “veicolo” e strumento per conoscere l’anima di un territorio: bisogna considerarlo non solo come bisogno fisiologico ma come elemento determinato da componenti geografiche, storiche, economiche e nutrizionali.

32207390_2056875207673189_6650160604726165504_n

Ad assumere, appunto, il ruolo culturale e accogliere i “corridori” della Via Flaminia nel Vulture è Savino Di Noia nel suo ristorante e pizzeria Forentum: è un’antica cantina del 1500, sapientemente restaurata, divisa in due sale; in quella inferiore si narra la storia plurisecolare “de i Munacidd”, mentre, quella superiore è contornata da foto che raccontano la vita rurale d’un tempo. La scelta di Lavello non è un caso, da sempre centro nevralgico di passaggio a nord della Lucania dove sostare, far abbeverare gli animali alle numerose fontane e ritemprare fisico e mente del viaggiatore.

32350103_2059924020701641_8636475987195854848_n

In tutto questo, ci saranno le pizze a quattro mani realizzate da Savino Di Noia con il maestro Gennaro Langella dell’A.v.p.n. (Associazione Verace Pizza Napoletana) abbinate a cinque importanti realtà enoiche del Vulture  come Madonna delle Grazie, Cantina di Venosa, Elena Fucci, Bisceglia e Terra dei Re. Il quadro sarà completato dal caciocavallo di Posticchia Sabelli, unico formaggio Lucano a concorrere alla finale “Italian Cheese Awards 2018” nella categoria pasta filata stagionata.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *