Lenticchie come tradizione comanda

Non si può proprio rinunciare alle lenticchie, come vuole la tradizione, simbolo di buon auspicio e prosperità; infatti, il consumo consentito di alimenti che apportano benefici come il pesce, alla vigilia di Natale, e le lenticchie, a Capodanno, rappresenta una tradizione alimentare natalizia non compromettente per la linea.

In generale, i legumi sono conosciuti sin dall’antichità e presentano un elevato valore nutritivo. In riferimento alle lenticchie, sono digeribili, povere in grassi, ricche in proteine, carboidrati, fibra e pertanto molto nutrienti. Da un punto di vista nutrizionale apportano 330 Kcal per 100 grammi di cui 1,2 g di grassi, 28 g di proteine, 57 g di carboidrati, 11,2 g di acqua, 10,7 g di fibre.

Le lenticchie essendo povere in grassi sono indicate nella prevenzione dell’aterosclerosi e di altre patologie cardiovascolari. Grazie al buon contenuto di fibre le lenticchie riducono l’assorbimento di zuccheri semplici, per un miglior controllo glicemico, e grassi in particolare di colesterolo nel sangue, regolarizzano il transito intestinale ed aumentano il senso di sazietà. Sono una preziosissima fonte anche di vitamine del gruppo B, vitamina C, K ed E, Sali minerali tra cui ferro, potassio, fosforo, calcio, magnesio ed in particolare sono ricche di proteine; infatti, una volta si diceva che “i legumi erano la carne dei poveri” e per tale motivo sono tutt’oggi considerati veri e propri sostituti dei secondi di origine animale più ricchi in grassi e colesterolo. In particolare, sono un’ottima fonte di proteine di “media qualità” poiché non contengono tutti gli amminoacidi essenziali essendo carenti in metionina e cisteina presenti invece nei cereali integrali che a loro volta sono carenti di lisina e triptofano amminoacidi essenziali di cui invece sono ricchi i legumi. Pertanto, cereali integrali e legumi ci forniscono tutti gli amminoacidi essenziali di cui abbiamo bisogno e per tale ragione rappresenta un piatto dal punto di vista proteico ad “elevato valore biologico.” Da qui, la definizione di complementarietà delle proteine. Pertanto le lenticchie sono un alimento abbastanza completo dal punto di vista nutrizionale.

In alcune persone il consumo di legumi in generale può causare il fastidio del gonfiore di pancia e per prevenire tale condizione si consiglia di farli cuocere con alcune erbe aromatiche come per esempio l’alloro e di privilegiare inizialmente i legumi decorticati oppure passarli al passaverdure.

Uso In abbinamento a cereali come la pasta, il riso meglio se integrale, ad ortaggi cotti di stagione come per esempio fave e cicoria, oppure ad insalate estive, miste e crude; zuppe invernali con cereali ed ortaggi; ed infine ridotte in crema indicate per lo svezzamento dei neonati. Sono consigliate anche per le donne in gravidanza poiché apportano nutrienti essenziali non solo per la salute della madre ma anche per lo sviluppo del feto.

E poi essendo la rappresentazione di un simbolo di buon augurio, abbondanza e ricchezza non possiamo che dedicarci ad un buon assaggio di gioia!

Giovanna Nolè – Biologa Nutrizionista

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *