Pancotto, quella semplicità che appaga lo spirito e il gusto

Un piatto tipico di antiche tradizioni culinarie, il “pancotto“, semplice e gustoso ancora oggi particolarmente diffuso sulle tavole del meridione della penisola. Una pietanza dalle origini certamente antiche, riscaldava le fredde giornate d’inverno del duro lavoro contadino. Quando nulla andava buttato e tutto veniva riutilizzato valorizzando prodotti semplici e sapori di antichi. L’ingrediente principale è proprio il pane, alimento fondamentale della tavola che non poteva mancare e che una volta raffermo veniva combinato insieme ad altri alimenti così come in questo piatto tipico della cucina mediterranea.

Qualche volta questo piatto rappresentava anche la classica pietanza che veniva consumata sotto un albero durante una pausa di lavoro nei campi. Preparato all’alba prima di iniziare i lavori nei campi, veniva avvolto in un canovaccio per essere trasportato e conservarne tutto l’aroma e i sapori fino al momento del consumo.

Il pane raffermo veniva combinato anche con altri alimenti, sempre frutto del lavoro dei campi e dunque  diremmo del “chilometro semplice“, quali patate oppure cime di rapa. Poteva essere completato secondo la disponibilità e la stagionalità aggiungendo peperoni cruschi sbriciolati. Si nota come il pancotto ancora oggi può presentare diverse varianti in base al gusto soggettivo. La degustazione di questo piatto si presta, come spesso accade in cucina, ad esperienze culinarie di qualità eccellente quando è oggetto di interpretazione dei più alti “attori della cucina”.

panecotto 02

Andy Luotto noto personaggio del mondo dello spettacolo ed interprete eccellente della cucina in una performance di qualità e di simpatia sul pane cotto: combinazione di ingredienti, equilibio di gusti, miscela di colori ed odori che raccontano della passione per la cucina mediterranea: un bene prezioso che parla di un territorio da gustare!

Giovanna Nolè – Biologa Nutrizionista

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *