Tempo di zucca: proprietà, benefici e corretto utilizzo in cucina

La zucca, appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee, è un alimento povero di calorie ma ricco di nutrienti. Nel pieno della sua stagionalità da ottobre fino a dicembre offerto dalla natura. Presente nella sua forma tonda oppure lunga è caratterizzata dal suo vivace colore giallo-arancione.

Benefici e proprietà nutrizionali

Antinfiammatorio, calmante, emolliente, lassativa, diuretica oltre ad essere anche facilmente digeribile. Per la sua predominanza del colore arancione contiene betacarotene. Ricca anche in Vitamine del gruppo B, Vitamina A, C, E ed acido folico. Contiene anche sali minerali in particolare ferro, calcio e potassio ma anche fosforo e zinco. Discreta quantità di fibra che le conferisce un potere saziante e numerosi amminoacidi quali triptofano, arginina, acido aspartico e glutammico. La polpa è particolarmente ricca di acqua tanto da essere un alimento a basso contenuto calorico con un apporto di circa 18 Kcal per 100 gr di polpa.

Utilizzo: per piatti salati e dolci come risotto, minestre, al forno, al vapore, dolci

Particolarità: i semi di zucca (ricchi di acidi grassi essenziali omega-3, omega-6, Vitamine B, E e Sali minerali) sono l’alimento che contiene la maggiore quantità di arginina. Tostati e non salati, da assumere dopo il pasto, vengono utilizzati come rimedio fitoterapico, ad esempio nell’ipertrofia prostatica benigna. La tostatura o una scarsa masticazione impediscono l’assorbimento delle sostanze nutrienti solubili in acqua, come tiamina, riboflavina, niacina e vitamine B6, B12 e C.

Conservazione: Le zucche intere possono essere conservate per tutto il periodo invernale in ambiente buio, fresco e asciutto. La tradizione vuole che si mangino entro carnevale. I pezzi di zucca cruda si conservano in frigorifero, nel reparto delle verdure, avvolte dentro la pellicola trasparente, e vanno consumate nel giro di pochi giorni, poiché si disidratano facilmente. La sua polpa può essere anche congelata, meglio se prima sbollentata.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *